Sintomi 2016-11-13T17:30:32+00:00

Nell’OCD normalmente si presentano insieme ossessioni e compulsioni, ma una persona può avere l’uno o l’altro separatamente. Qui di seguito si riportano alcuni frequenti possibili correlazioni tra ossessioni e compulsioni :

Esempi di ossessioni

  • Immaginare di corrodersi o consumare se stessi
  • Pensare di poter essere contaminati da germi
  • Immaginare di poter far del male perdendo il controllo dell’aggressività
  • Pervasivi pensieri di urgenza sessuale
  • Eccessivi pensieri religiosi o dubbi morali
  • Pensieri di pericolo per sé o per altri, panico
  • Sentire il bisogno di possedere
  • Sentire il bisogno di prendere cose
  • Sentire il bisogno di confessare
  • Temere di dimenticare cose o di aver dimenticato o perso qualcosa

Esempi di compulsioni

  • Ripetizione di gesti, visite mediche, assumere farmaci
  • Lavarsi o disinfettarsi continuamente
  • Realizzazione di gesti motori, simili a tic ma con valenza di stereotipia
  • Toccare, toccarsi, Contare, chiedere continuamente scusa o perdono,
    leggere in continuazione testi sacri, recitare brani religiosi in continuazioneripetere frasi
  • Riordinare, ripetere, aggiustare, ritualizzare
  • Ammassare oggetti di ogni tipo, conservare tutto
    (anche la spazzatura o gli scarti)
  • Raccattare di tutto, rubare
  • Raccontare a tutti cose intime, implorare, pregare
  • Controllare continuamente l’ambiente, ricontrollare più volte quanto già fatto, tornare sui propri passi

Quelle descritte non sono che una parte delle innumerevoli ossessioni e compulsioni, il fatto che si presentino sotto forma di pensiero e comportamento induce diversi operatori a cimentarsi in interpretazioni psicodinamiche, di solito legate ad un supposto ruolo dei sensi di colpa nell’indurre una sofferenza psichica dalla quale il soggetto si difende con una serie di rituali. Questa interpretazione, certamente suggestiva, così come non può essere smentita, neppure può essere validata. Vale però la pena considerare che l’incidenza di questa sindrome, con il suo stretto associarsi alla Sindrome di Tourette, il rapporto 3 : 1 maschi su femmine, la maggior diffusione per arre geografiche determinate, e la marcata trasmissione ereditaria anche a distanza di generazioni, evidenziano un tale ruolo della genetica, che sarebbe impossibile spiegare con le dinamiche intrapsichiche individuali scaturite dal rapporto madre-bambino o dalla comunicazione presente nel sistema famiglia.

Accesso Riservato ai soci!

ISCRIVITI per leggere il testo integrale.

Clicca qui per associarti.