Esordio dell’OCD e tempi di cura

Esordio dell’OCD e tempi di cura 2016-11-13T17:30:32+00:00

Sebbene la sindrome da OCD possa iniziare in qualunque momento, dall’età scolastica fino a quella adulta, normalmente entro i 40 anni, le statistiche dicono che un terzo delle persone riferiscono di un esordio in età infantile. Sfortunatamente in Italia, spesso non viene riconosciuta ed è quindi difficile stabilire se l’inizio è avvenuto davvero quando la memoria della persona con OCD riesce a ricordare il tempo dei primi sintomi, oppure prima. Negli USA, dove pure l’ OCD è noto da tempo dalla comunità scientifica, si è calcolato (fonte USA-OCD Foundation) che le persone affette vedono almeno 3 o 4 dottori e perdono circa 9 anni con inutili trattamenti prima di ricevere la corretta diagnosi e pare che ci vogliano circa 17 anni di tentativi primi di ricevere i trattamenti più appropriati. In Italia l’ OCD tende ad essere sottodiagnosticato e sottovalutato per diverse ragioni. Le persone con OCD possono secretare i loro sintomi per trascuratezza, per vergogna o perché non li ritengono così importanti Altre persone possono non disporre di mezzi economici per dei consulti specialistici o possono credere che il tipo di problema non giustifichi il consulto precoce di uno specialista. Molti operatori sociali e sanitari non hanno familiarità con il disturbo e sono magari più orientati ad usare categorie interpretative più suggestive e misteriose, piuttosto che puntare alla diagnosi di una “volgare” sindrome neurologica.

I tempi medi per una esatta diagnosi ed il lungo percorso prima di arrivare ad un appropriato trattamento sono una vera sfortuna per la persona con OCD e/o Tourette, in quanto una diagnosi precoce può aiutare le persone a prevenire le sofferenze associate e diminuire i rischi di sviluppo di altre problematiche, quali la depressione, gli insuccessi scolastici e le difficoltà di lavoro.

Accesso Riservato ai soci!

ISCRIVITI per leggere il testo integrale.

Clicca qui per associarti.